OGGI.IT
| | | Intervista a Federica Pellegrini: "Si mi piaccio"

Personaggi

Intervista a Federica Pellegrini: "Si mi piaccio"

Come lei, non c’è nessuna. Domina sui 200 e sui 400 metri stile libero e ad agosto, agli Europei di Budapest, si cimenterà negli 800. Ma per il futuro ha già pronto un piano B: a base di erbe

Intervista a Federica Pellegrini: Si mi piaccio

Che cosa collezioni oltre a medaglie (oro e argento olimpici; 2 ori, un argento e un bronzo mondiali) e record del mondo (11 tra 200 e 400 stile libero)?
Scarpe, ne ho almeno 150 paia: tacco basso, tacco a spillo, colorate, a tinta unita, in pelle, in cotone, etc... Quando vedo un modello che mi piace non resisto, entro in negozio e se mi soddisfa lo prendo.
Non sono una spendacciona, ma a volte comprerei il mondo intero.

Problemi di dieta?
No, mangio di tutto: dai primi piatti ai dolci passando per le insalatone. A volte anche schifezze. Comunque ho cambiato metabolismo e gusti. Per esempio i cioccolatini non mi tentano più. Mi piace molto uscire fuori a cena.

Sport e femminilità vanno d’accordo?
Ne sono convinta e credo di dimostrarlo tutti i giorni. Non è necessario essere dei maschiacci per ottenere risultati importanti. Quando indosso un tubino nero, chi direbbe che sono un’atleta?

Che auto hai?
La nuova Fiat 500 Abarth color grigio con gli interni neri.
Mi piace guidare in modo vivace, ma non sono affatto irresponsabile.

Che musica ascolti?
Dipende dall’umore con cui mi sveglio la mattina. In questo periodo ascolto volentieri Grovigli, il secondo album di Malika. Mi rilassa e mi fa sognare.

A 21 anni hai già scritto due libri: enfant prodige anche in questi caso?
Il primo, Mamma posso farmi il piercing, pubblicato da Fabbri, è nato da un’idea del giornalista Federico Taddia che l’ha firmato con me: è una specie di diario con sogni e desideri di una ventenne come tante.
Nel secondo, Io nuoto per amore, uscito per Mondadori, parlo della mia vita, di quanto siano importanti per me i miei genitori e il mio fidanzato. Ricordo la prima volta in acqua a un anno, insieme a mia madre. E spiego che quando si entra in crisi bisogna rialzarsi da soli.

Vacanza ideale?
Al mare, in Italia, in posti dove posso restare tranquilla. Sono stata a Capri di recente: un’isola meravigliosa dove tornerei all’istante.

Se fossi un’attrice...
Sarei Mia Wasikowska, la protagonista dell’ultimo film di Tim Burton, Alice in wonderland. Mi piace tantissimo il genere fantasy e ho letteralmente adorato i vestiti che Mia ha indossato: da quello azzurro della "vita reale", fino all’armatura con cui sconfigge il drago.

A che cosa ti fa pensare la parola "casa" ?
A un luogo caldo e accogliente, pieno di colori. Alle mie radici; a Mirano, vicino a Venezia, dove vivono i miei genitori, e al mio appartamento di Verona. L’ho affittato già ammobiliato, ma vi ho messo il mio acquario con le carpe giapponesi rosse e, alle pareti, un collage di foto personali, un enorme Buddha diviso su due tele accostate, e sopra il letto un poster dell’opera Donna che dorme di Tamara de Lempicka.

Ti piaci? Spalle comprese?
Mi piaccio, sono vanitosa di natura. Quando mi vedo allo specchio, e mi capita spesso negli spogliatoi delle piscine, il mio fisico mi soddisfa (è alta 1,77 cm per 55 kg, ndr). Anche le spalle, in genere troppo "forti" nelle nuotatrici: le mie, non le trovo sproporzionate.

Hai sei tatuaggi e un piercing al capezzolo sinistro.
Mi sono fatta tatuare un draghetto sulla caviglia destra, una piuma sul piede sinistro, l’orso Baloo sul piede destro, un tribale sul fondoschiena, l’araba fenice sul collo (il suo sponsor ha appena creato una linea di costumi ispirata a questo tatuaggio ndr). Credo che queste "stravaganze"compensino la rigidità del nuoto, che è una disciplina molto severa.

Hai un diploma di ragioneria. Ti fermi qua o pensi di iscriverti all’università?
Non penso che farò la ragioniera. Ho la passione delle erbe; mi piace studiare i loro principi attivi, gli olii essenziali, i profumi.

Mi sono decisa: a settembre mi iscrivo a un corso di laurea in erboristeria.

Nicoletta Pennati. L’intervista completa su "Io donna" , dall' 8 maggio 2010 08 Maggio 2010
Stampa A a
SPECIALI E CONCORSI
Io Donna
leiweb consiglia